Quote

La Paura

La paura aspetta
aspetta il varco, la debolezza,
e’ da li’ che entra,
senza farsi notare
da’ un senso di malessere indefinito
inspiegabile e mutevole.

Te ne accorgi a malapena,
striscia lentamente dentro di te
cercando le ferite ancora aperte,
nutrendosi delle paure piu’ vecchie
per arrivare al cervello
annebbiarlo, pervaderlo
immobilizzarlo.

La paura ottiene sempre quello che vuole,
la paura di perdere ti fa perdere,
la paura di muoverti ti rende immobile,
la paura della solitudine ti rende solo,
la paura degli altri li rende aggressivi,
la paura di lasciarsi andare ti rende di pietra.

La paura non esiste
come esiste la tristezza,
come esiste la rabbia,
come esiste la malinconia,
la paura non esiste,
non serve,
non fa crescere,
non ti rende piu’ forte,
ma inerme davanti a lei.

La paura non esiste,
e’ inconsistente,
se la vedi si spaventa,
si ritira,
si annienta.

Liberiamoci di lei,
imparariamo a conoscerla,
a riconoscerla,
ad annientarla.